Startup la salute il nuovo obiettivo

I fondi di investimento americani puntano sempre più su “Internet of Things” e “Health Care”, settori che si dimostrano essere emergenti.

La società “healthcare 2.0” puntano sempre verso il mercato dei consumatori, senza passare dall’approvazione della FDA fornendo servizi premium convenienti, sviluppando social network e comunità, sperimentando le informazioni inviate dalla proliferazione di dispositivi indossabili.

Gli utenti vogliono prendersi cura del proprio benessere gestendo i propri dati e la propria salute.

Il mercato farmaceutico potrebbe trasformarsi un un mercato di commercio elettronico, sarebbe interessante vedere i Yelp, TripAdvisor, Groupon, Priceline, OpenTable, Kayak della salute a cosa assomiglieranno.

Ognuno tiene alla propria salute, ma si ritiene sia molto personale per discuterne su Facebook o Twitter, nasceranno così comunità verticali dove saremo collegati non ad amici di sempre, ma a compagni di sventura, con cui condividere problemi, soluzioni, percorsi.

Servizi ne esistono molto, già oggi, come Fitmob (marketplace per il benessere), Doximity (un linkeding per medici), Health Equity Labs (fornisce un punteggio della salute), Retrofit (coaching per la perdita di peso) a ThriveOn (coaching per la salute mentale)

I dispositivi indossabili sono nati prima per contare i passi, poi per leggere le pulsazioni cardiache, ma oggi esistono molti più dispositivi per raccogliere dati di altro tipo. Glucosio, pressione, peso, segnali celebrali e altro, ma molto ancora avrà da venire come la dati sulla postura, sulla respirazione, altri dispositivi sulle onde celebrali, attività muscolare, livello di stress, e quello che ancora non immaginiamo.

Probabilmente la funzione di questi dispositivi evolveranno dalla semplice raccolta di informazioni, la lettura alla scrittura, ovvero saranno in grado di stimolare le connessioni neurali attraverso l’elettricità e gli ultrasuoni.

I dati raccolti saranno resi disponibili ai propri professionisti che in questo modo avranno parametri utili per aiutarci a mantenerci in salute. Ad esempio questa tipologia di approccio è già stata scelta da Apple e sarà disponile nella prossima versione di iOS.

Il continuo monitoraggio dei segnali vitali renderà possibile, attraverso servizi statistici, di avvisarci in largo anticipo sull’insorgere di un problema e offrirci, in questo modo, la possibilità di porvi rimedio prima che il problema si presenti in modo catastrofico.

Affrontare il mercato farmaceutico e della salute in genere è molto difficile, come sempre è stato, ma ora gli imprenditori e gli investitori ci credono e il loro mercato è in crescita, un forte rialzo, si nel mercato B2B che nel mercato B2C.

fonte

La tecnologia una passione e un lavoro. La ricerca di soluzioni semplici a problemi spesso difficili cercando di osservare sempre oltre gli schemi comuni.

Tagged with: , , , , , ,
Pubblicato su Opinione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Parlo dell'uso creativo della tecnologia e d'innovazione, esprimo opinioni e visioni dei nuovi ed esistenti servizi e prodotti tecnologici.

Follow Amerigo Stevani on WordPress.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: