Baratto a modo mio…

baratto

Penso ad un progetto come già esistono di negozi dove si vende e compra, merce usata.

In questi negozi chi vende è obbligato a fare svendere al prezzo accordato con il negozio dell’usato, mentre chi acquista è strangolato da prezzo che impone il commerciante.

Un modo per acquistare a prezzi più bassi la merce, naturalmente usata, ma il solito meccanismo del commercio.

Un’idea che mi è venuta a riguardo, parte dal concetto di baratto, realizzato mediante una piattaforma informatica, che permetta agli utenti del sistema, di registrarsi e vedersi assegnato un proprio portafogli di moneta virtuale in una valuta, diciamo euro per comodità e un portafogli di oggetti.

Ogni qualvolta un’utente dispone di materiale che non utilizza più e abbia voglia di disfarsene, porta gli oggetti nel negozio del baratto, stabilisce l’utente il prezzo di vendita e lascia i prodotti nel negozio.

All’azione di lasciare i prodotti nel negozio corrisponde l’entrata nel portafogli oggetti, di tutti gli oggetti lasciati, contrassegnati con un codice e un valore, gli oggetti saranno tutti identificati mediante un QR-CODE.

I clienti del negozio, non potranno trattare sui prezzi della merce che vorranno acquistare, ma dovranno attenersi al prezzo associato al QR-CODE più un commissione per il negoziante, magari proporzionale al prezzo o comunque da stabilirsi nella piattaforma.

Il pagamento avverrà nella seguente modalità, le commissioni del negozio saldate in contanti direttamente al negoziante, mentre il pagamento della merce, sarà effettuato tramite il proprio portafoglio valuta reso disponibile dalla piattaforma.

Ogni utente disporrà della possibilità di avere dei saldi negativi nel proprio portafoglio valuta, fino ad una certa cifra superata la soglia sarà obbligato ad un pareggio di conti effettuato mediante pagamento di soldi reali.

I soldi usati per riportare un portafoglio valuta sopra la soglia di credito previsto, saranno distribuiti tra tutti gli utenti che invece avranno il saldo positivo più alto, ovvero a tutti gli utenti che hanno reso disponibile al sistema più merce.

La piattaforma ad ogni distribuzione di denaro tratterrà la propria commissione.

Questo sistema permetterebbe la circolazione delle merci solo attraverso il baratto, se ci fosse equilibrio tra gli scambi di merci, mentre sarebbero utilizzati anche scambi in denaro per equilibrare gli utenti che mettono più merce nel sistema e quelli che invece ne prelevano troppa.

Le commissioni del negoziante sarebbero certamente più basse delle spese di spedizione, qualora si pensasse di implementare questo tipo di baratto completamente online, mentre le commissioni della piattaforma sono null’altro che il costo della gestione del sistema.

 

La tecnologia una passione e un lavoro. La ricerca di soluzioni semplici a problemi spesso difficili cercando di osservare sempre oltre gli schemi comuni.

Tagged with: , , ,
Pubblicato su Idea Startup

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Parlo dell'uso creativo della tecnologia e d'innovazione, esprimo opinioni e visioni dei nuovi ed esistenti servizi e prodotti tecnologici.

Follow Amerigo Stevani on WordPress.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: