Un servizio che non esiste e servirebbe, certo che servirebbe

Il mondo ormai si divide principalmente in due: quelli che hanno iOS e quelli che hanno Android, certo poi esistono altri, Windows Mobile, BlackBerry e poco altro….

Il problema di fondo, risiede nella volontà di chi acquisisce clienti a cercare di mantenerli, naturale, succede in ogni mercato economico, gli utenti sono il fatturato, occorre acquisirne di nuovi e cercare di non perdere i vecchi. Questo il lato dei produttori di cellulari e sistemi operativi per cellulari.

Ma vediamo cosa succede dal punto di vista dell’utente.

Un utente si trova ad acquistare un cellulare, per scelta, per moda, per caso, poi si trova ad usare il cellulare e la piattaforma software che quel cellulare offre, piattaforma che oggi, si basa sempre più su servizi cloud. L’uso di un cellulare, porta molti dati dell’utente sui cloud della piattaforma e comunque legati a quella piattaforma, così contatti, mail, calendari, note, ma anche documenti, applicazioni, musica e altro che abbiamo sul cellulare e magari sincronizzato con altri nostri device, sono disponibili sui nostri device, fino a quando l’utente decide di rimanere in quella determinata piattaforma software.

Decidere di cambiare brand per chi fa pesante uso dei servizi cloud, diventa un notevole problema di migrazione, dei propri dati, mentre rimanere con lo stesso produttore e cambiare device, significa solo inserire i propri dati di accesso e ritrovarsi subito tutto.

Creare un servizio per la migrazione dei dati utente dai cloud di un produttore ad un’altro, certo troverebbe subito un grande seguito tra gli utenti, che oggi devono cercare le informazioni sparse su internet, per comprendere come migrare una parte alla volta del proprio bagagli di dati, infatti alcuni dati si migrano in un modo altri in un altro, altri non si migrano affatto e tutto questo inoltre è funzione del brand di partenza e del brand di arrivo.

Un servizio di questo tipo fosse anche a pagamento, troverebbe certo una clientela disposta a pagare per poter potare con se tutti i dati e poterlo fare velocemente.

Inoltre il mercato potrebbe essere ampliato, offrendo la possibilità di sincronizzare device di brand diversi, in questo modo un utente con un telefono IOS e un tablet Android potrebbe disporre degli stessi servizi che avrebbe se avesse un iPad.

Discorso valido per ogni tipo di device Windows Mobile, Android, iOS, BlackBerry e altro, un servizio volto alla sincronizzazione dei cloud delle diverse piattaforme.

 

La tecnologia una passione e un lavoro. La ricerca di soluzioni semplici a problemi spesso difficili cercando di osservare sempre oltre gli schemi comuni.

Tagged with: , , ,
Pubblicato su Idea Startup

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Parlo dell'uso creativo della tecnologia e d'innovazione, esprimo opinioni e visioni dei nuovi ed esistenti servizi e prodotti tecnologici.

Follow Amerigo Stevani on WordPress.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: